La poesia di Eduardo De Filippo per la moglie Isabella

“Sto ccà”

Sto ccà, Isabè, sto ccà…
Ch’è, nun me vide?
Già, nun me può vedé…
ma stongo ccà.
Sto mmiez’ ’e libre,
mmiez’ ’e ccarte antiche,
pe’ dint’ ’e tteratore d’ ’o cummò.
Me truove quann’ ’o sole tras’ ’e squinge
se mpizz’ ’e taglio
e appiccia sti ccurnice
ndurate
argiento
grosse e piccerelle
’e lignammo priggiato –
acero
noce
palissandro
mogano –
pareno fenestielle e fenestelle
aperte ncopp’ ’o munno…
Me truove quann’ ’o sole se fa russo
primmo ca se ne scenne aret’ ’e pprete
ndurann’ ’e rame ’e ll’albere
e se mpizza
pe’ mmiez’ ’e fronne,
pe se fa guardà.
Si no, me può truvà, scurato notte,
rint’ a cucina
p’arrangià caccosa:
na puntella ’e furmaggio,
na nzalata…
chellu ppoco
ca te supponta ’o stommeco
e te cucche.
Primmo d’ ’a luce ’e ll’alba
po’
me trouve a ttavulino,
c’ ’a penna mmiez’ ’ ddete
e ll’uocchie ncielo
pensanno a chello ca t’aggio cuntato
e ca nun aggio scritto
e ca
va trova
si nun è stato buono
ca se songo perduto sti penziere
distratte
e stanche d’essere penzate
che corrono pe’ ll’aria nzieme a me.
E si guarde pe’ ll’aria
po’ succedere
ca si ce stanno ’e nnuvole
me truove.
’O viento straccia ’e nnuvole
e comme vene vene,
e può truva ciert’uoccie
ca te guardeno
sott’ ’a na fronta larga larga
e luonga
e ddoje fosse scavate…
’e può truvà.

Dal web … grazie Paola

Ci saranno dei giorni in cui non vedrai alcun motivo per andare avanti. Va bene.
Ci saranno dei giorni in cui persino il pensiero
di alzarti dal letto ti farà venire voglia di piangere.
Va bene anche questo.
Ci saranno dei giorni in cui non ti ricorderai
nemmeno come si fa a piangere, o a sorridere, o a vivere, in cui la stanchezza ti peserà sulle palpebre e sulle ossa fino a schiacciarti.
Ne avrai ogni ragione.
Ma ricordati sempre che ciò che senti non dura per sempre.
Che è tutto temporaneo. Che qualcuno, prima di te, ha provato quello che provi tu adesso, ed è sopravvissuto.
Le foglie cadono ogni autunno, e soltanto perché non sei un sempreverde – soltanto perché anche tu sfiorisci, mentre altri riescono a non farlo – non vuol dire che tu sia sbagliato
e che sia tutto finito.
Va bene cadere. Va bene.
Quando arriveranno quei giorni, ricorda le cose per cui vale la pena andare avanti, qualsiasi piccola cosa – il prossimo film in uscita, un amico che ti invita a uscire, il libro che non hai ancora letto.
Ricorda che tutto prima o poi finisce,
che il sipario prima o poi deve sempre calare su tutto.
Lascialo calare sulle amicizie finite, sugli amori passati, sulla tristezza che ti stringe la gola, sulle cattiverie che ti hanno detto, sui tuoi sbagli, sui rimpianti, sulle parole che non avresti dovuto pronunciare, su tutte quelle piccole cose che ti pesano sulle spalle come macigni.
Lascialo cadere su tutto, tranne che su di te.
Mai su di te.
Perché non lo meriti.
Perché meriti di più di un sipario chiuso,
di un copione finito in tragedia.
Perché meriti di stare bene, e ti prometto, ti prometto che succederà e sarai felice di non aver deciso di lasciarti andare.
Ti prometto che un giorno ti sveglierai e andrà tutto bene.
Fino ad allora, tieni duro.
Alzati dal letto quando sembra impossibile.
Esci quando vorresti rinchiuderti dentro.
Apprezza le cose belle quando vorresti solo piangere.
È una bella vita, in fin dei conti, te lo giuro.
È una bella vita.
E tu la meriti.
❤️❤️❤️